domenica 26 aprile 2015

Dracula Untold (2014)

Il rilancio dei Classic Monsters della Universal comincia con Dracula.

Il valoroso principe Vlad di Valacchia si ribella ai dominatori turchi che chiedono come tributo 1000 bambini, tra i quali suo figlio, da addestrare come soldati. Per fronteggiare la forza degli invasori, Vlad si spinge in una vicina zona maledetta dove si nasconde una misteriosa creatura, un vampiro, con l'intenzione di carpirne i poteri. Vlad stringe un patto con il vampiro, ottiene i malefici poteri della notte in cambio del controllo della sua anima guerriera......

In tempo di riciclo e re-start assortiti a vari livelli non potevano mancare i mostri classici della Universal: Dracula, Frankenstein, La Mummia, L'uomo lupo, ecc. A dire il vero non sono mai passati di moda, se poi parliamo di Dracula e le sue infinite declinazioni vampiresche in ambito horror, si è giunti a un livello di saturazione tale da risultare dannoso, di recente anche l'azzardato e incredibile Dracula 3D di Argento ha alimentato questa sensazione. La notizia è che la Universal ora vuole fare le cose in grande, sempre riferito all'ambito horror intendiamoci, non siamo certo dalle parti dei cinecomix miliardari che vanno per la maggiore, sebbene il pubblico di riferimento sia più o meno lo stesso. Questo nuovo corso è infatti "annacquato" e interessato a intercettare il maggiore numero di spettatori, con conseguente fuga degli appassionati più puri e intransigenti che restano sempre una minoranza, quindi meglio mettersi il cuore in pace e recepire che Dracula Untold è un film per famiglie (orrore!) con il blando divieto PG-13.

giovedì 16 aprile 2015

Le Orme (1975)

Tra psicanalisi e mistero, un affascinante thriller(giallo) italiano anni 70. 

Alice è frastornata da un incubo che la perseguita riguardo la tragica missione spaziale di un astronauta lasciato morire sulla luna, la donna comprende di essere influenzata da un film di fantascienza ma le stranezze aumentano quando si accorge di soffrire anche di apparenti amnesie. Alice non ricorda gli ultimi due giorni trascorsi, per mezzo di conoscenti tenta di ricostruire quello che è accaduto, emergono collegamenti con un'esotica località turistica: Garma. Sempre più confusa e impaurita, Alice decide di raggiungere l'hotel di Garma raffigurato nella cartolina trovata spezzata a casa, qualcosa infatti sembra riaffiorarle nella mente....

Un oggetto atipico all'interno dello stesso filone "giallo all'italiana", Le Orme non è nemmeno un vero e proprio horror nonostante le atmosfere poco rassicuranti, insomma difficile da catalogare il film diretto e sceneggiato da Luigi Bazzoni nel 1975. La ragione deriva dal suo essere sfuggente nel soggetto, nella storia e in fase di sceneggiatura, un intreccio di personaggi e ambienti vissuto dalla protagonista che conduce a un vero stato di trance suadente e misterioso, mai del tutto chiarito e, anzi, portato a ramificazioni narrative sempre più depistanti e sognanti. Le Orme ha a che fare con le ombre della mente della protagonista Alice interpretata dalla bella Florinda Bolkan, qui in una delle sue migliori interpretazioni, non una novità per gli appassionati del genere visto i precedenti nei bellissimi film di Fulci "Una Lucertola con la pelle di donna" e "Non si sevizia un paperino".

sabato 11 aprile 2015

The Protector 2 (2013)

Il secondo capitolo della serie The Protector con protagonista Tony Jaa.

Kham vive con il suo "fratello" elefante Khon ma qualcuno li vuole separare, un uomo d'affari è intenzionato a prendersi l'animale con le buone o con le cattive. Al rifiuto del ragazzo di venderlo, Khon viene trafugato con un camion e fatto sparire. Kham non si da per vinto e rintraccia subito la casa dell'arrogante possidente, a sorpresa trova l'uomo ucciso nel suo studio, le nipoti della vittima giunte poco dopo lo incolpano dell'omicidio. Kham fugge e, grazie anche all'aiuto dell'amico agente Mark, intuisce che dietro al fatto di sangue si nascondono interessi più grossi, traffici loschi che riguardano terrorismo, politica e giochi di potere....

Ritorno per la stella delle arti marziali Tony Jaa al personaggio Kham nel tentativo di ripetere i risultati egregi del primo The Protector (2005),  forse non la più celebrata ma la più compiuta e matura delle sue fatiche, con esiti poco soddisfacenti per via della solita vena trasandata del cinema action tailandese. The Protector 2 soffre di una sceneggiatura debole da vera serie b, ingarbugliata da retroscena criminali e personaggi non proprio irresistibili, un pretesto per una serie di scontri marziali che per lo meno non annoiano, continui e divertenti. Non siamo ai livelli del primo capitolo per intenderci, ma pur sempre meglio del precedente Ong Bak 3, il film sfrutta l'ascesa di notorietà per Tony Jaa nonostante i diradati impegni negli anni recenti, un antipasto per il lancio internazionale dell'attore che nel 2015 viene inserito nel cast del settimo capitolo della saga blockbuster tamarra per eccellenza Fast and Furious e promosso protagonista di Skin Trade al fianco di Dolph Lundgren. L'attesa più grande è riservata per il suo esordio con il cinema di Hong Kong in Sha Po Lang 2 (2015) insieme al leggendario Sammo Hung.

giovedì 2 aprile 2015

Berserk: L'epoca d'oro - Capitolo 1 - L'uovo del re dominatore (2012)

Il primo lungometraggio anime dedicato alla saga di Berserk.

Il giovane e valoroso guerriero Guts viene notato in battaglia da Griffith, il leader di un gruppo di mercenari, che lo induce a seguirlo sotto i suoi comandi. Guts è riluttante ma scopre presto la forte personalità di Griffith, un predestinato che porta al collo una pietra magica, insieme si apprestano ad affrontare un'epoca oscura di battaglie e nemici sempre più temibili....

Dal genio dell'autore originale Kentaro Miura la saga di Berserk, sulle gesta di eroi guerrieri in un medioevo dark fantasy, è iniziata nelle pagine della omonima serie manga, ancora in corso dopo oltre 25 anni, approdata a una serie anime nel 1997 e di nuovo adattata all'animazione per un ciclo di un non meglio precisato numero di film con l'intenzione di condensare l'intero manga. L'uovo del re dominatore è il primo film anime di questo progetto, giunto sinora al quarto (annunciato) capitolo, incentrato sull'epoca d'oro racchiusa nell'arco narrativo dei volumi 3-14, una vera e propria introduzione al mondo di Berserk e dei suoi principali personaggi ormai entrati nell'immaginario collettivo degli appassionati manga: in primo luogo l'eroico e selvaggio Guts (Gatsu) e l'angelico e carismatico leader dei Falchi Griffith (Grifis).

domenica 29 marzo 2015

Big Bad Wolves (2013)

Il singolare thriller-horror prodotto e ambientato in Israele.

Il cadavere di una bambina viene ritrovato senza testa, il maggiore indiziato dell'omicidio è un insegnante scolastico che per i metodi poco ortodossi di alcuni agenti viene lasciato libero. Un detective non demorde e conduce una personale indagine sul sospetto, anche il padre della vittima è però interessato all'insegnante e deciso ad attuare un sequestro di persona....

Alla fine anche il cinema di genere israeliano, in verità mai pervenuto prima d'ora, conosce con "Big Bad Wolves" una piccola ma significativa ribalta, tutto sommato meritata visto che si tratta di un horror sui generis ambientato in una zona più nominata e conosciuta per altri (spesso tristi) motivi. Dietro a questo piccolo evento compaiono due giovani registi di origine israeliana, Ahron Khesales e Navot Papushado, ad accrescere una consuetudine sempre più frequente nel cinema che vede emergere le coppie di registi, già artefici di quello che è considerato il primo horror israeliano: Kalavet (2010).
Big Bad Wolves, a detta degli stessi autori, è una fiaba per adulti filtrata con l'horror e un'ironia di fondo fuori dal comune capace di fare sorridere di una vicenda che si occupa di pedofilia, tortura e sospetto.

venerdì 13 marzo 2015

La Notte della Cometa (1984)

Due sorelle nella spettrale Los Angeles colpita dagli influssi di una cometa.

Los Angeles, Non si parla altro che del passaggio della cometa vicino alla Terra, la sera dell'avvenimento Regina ha di meglio da fare e si apparta con un amico, al mattino seguente la ragazza si accorge che in giro non vi è un'anima viva, anche il suo ragazzo è sparito e tutti sembrano vaporizzati. Regina raggiunge casa e scopre che sua sorella è viva e vegeta ma incurante del fatto che in strada, i vicini, le persone della zona, sono scomparsi, a terra si vedono solo dei vestiti vicino a dei granelli di sabbia. Le due giovani decidono di raggiungere una vicina stazione radio da cui proviene un programma musicale.

In Italia poco visto e conosciuto sin dai tempi della sua uscita, La Notte della Cometa è divenuto uno degli innumerevoli (mini)cult anni 80 in patria, una comedy-(fanta)horror intrisa dello spirito di quel periodo, motivo principale per il quale è ricordato con affetto. Guardare questo film è come infilare la testa in una finestra spazio-temporale aperta al 1984, tra sogni adolescenziali e ingenuità, fuori per le strade incombe l'apocalisse ma poco importa. E' questo il tono vincente di un film piccolo che ricorda gli incubi zombi di Romero solo in superficie, stravolgendo il concetto di pericolo e sopravvivenza verso un'avventura leggera ambientata in una Los Angeles disabitata e spoglia. La Notte della Cometa si ascrive al genere zombi ma di morti viventi se ne vedono ben pochi, prospettiva che può deludere gli appassionati del genere, inutile aspettarsi orde di ritornanti. Cosa ha di speciale quindi questa pellicola?

domenica 8 marzo 2015

Capitan Harlock: L'Arcadia della mia giovinezza (1982)

Le origini del leggendario Capitan Harlock.

L'umanità è sotto il giogo degli Illumidas, esseri umanoidi provenienti dallo spazio, anche Capitan Harlock si è arreso e vaga nella città piena di gente oppressa e sfiduciata, solo una voce proveniente da una radio infonde speranza per un futuro migliore, si tratta della sua amata Maya, ricercata come criminale. Dopo avere rifiutato di collaborare con gli Illumidas, Harlock stringe amicizia con Tochiro che in gran segreto ha costruito una nave spaziale, insieme a uno sparuto equipaggio iniziano una ribellione contro gli oppressori.

Il personaggio più famoso creato nell'universo di Leiji Matsumoto (Star Blazers, Danguard Ace, ecc.), il pirata dello spazio Capitan Harlock, ha goduto nel 1982 della realizzazione di un'opera che oggi possiamo definire come "prequel", un antefatto lontano dalle avventure conosciute nella serie tv a base di mazoniane e regine conquistatrici ma in linea con il senso tragico e fiero dell'eroe di cui vengono rivelati diversi retroscena. Un'opera quindi preziosa per ogni appassionato del più famoso pirata spaziale dell'animazione giapponese. L'Arcadia della mia giovinezza suggerisce un cammino  cupo e pessimista per l'umanità, chiamata a prove difficili e pericoli, come la sfida del prologo nel superare una vetta impervia, in cui è intento l'antenato di Harlock a bordo di un aeroplano a elica. Lo spirito degli Harlock si trasmette da generazioni, una consuetudine per gli eroi degli anime giapponesi (si pensi agli antenati di Lupin III), lo sprezzo del pericolo e il coraggio sono il marchio di una stirpe che si lancia contro le avversità e le forze del male.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...