Fearless (2006) di Ronny Yu


Tit.originale: Fearless (ingl.)
Paese:China/Hong Kong/U.s.a

Un film di arti marziali che guarda al passato(prossimo) del cinema di Hong Kong, che non disdegna di essere appetibile al mercato occidentale, con protagonista il prodigioso Jet Li.

Inizi del XX secolo, Huo Yuan jia(Jet Li) è un maestro di arti marziali che utilizza la sua straordinaria abilità per acquisire successo e fortuna, la sua smania di potere però si ritorce contro, con esiti tragici per i suoi cari. Huo Yuanjia, dopo un esilio di alcuni anni, ritorna a casa, cambiato e fortificato nell'animo, convinto che le arti marziali non sono più uno strumento per offendere, bensì una disciplina che regola l'armonia e lo spirito degli uomini, al servizio del prossimo. Anche la Cina, nel frattempo, è cambiata con l'arrivo dei nuovi dominatori stranieri, che convincono Huo Yuanjia a presenziare a un torneo di arti marziali con l'intento di umiliarlo.


Basato su una figura realmente esistita(Huo Yuanjia, fondatore del Wu Shu), "Fearless", è un film dai forti connotati nazionalistici, ridondante retorica e buoni sentimenti. La parabola del maestro di arti marziali che si ravvede dopo una vita di avidità e superbia suona, difatti, politicamente molto corretta alle orecchie degli spettatori più smaliziati, resta il fatto che è quasi impossibile non rimanere coinvolti, a livello emotivo, dalla vicenda soprattutto quando si raggiunge il climax finale, carico di commozione.

E' chiaro che il ruolo di una figura cosi importante e mitizzata, nella cultura cinese, non poteva che finire nelle mani di Jet Li, probabilmente l'artista marziale più gettonato da diversi anni(seguito da poca distanza dai colleghi Jackie Chan e Donnie Yen), straordinario interprete della disciplina marziale Wu Shu. Per non lasciare nulla al caso alla regia c'è Ronny Yu, anch'egli ultimamente sulla cresta dell'onda, dopo i successi americani di "Bride of Chucky" e, soprattuito, "Freddy vs. jason", anche se molti lo ricordano più volentieri per l'ormai classico kung fu-fantasy "Bride with the white hair".

I film di Ronny Yu si contraddistinguono per un'elevata eleganza formale e la splendida fotografia, e anche "Fearless" continua la tradizione. Per le sequenze d'azione è stato ingaggiato Yuen Woo Ping, il suo curriculum spazia da innumerevoli classici del kung fu di Hong Kong(Tai chi master, Fist of Legend, ecc.) ai noti Matrix(serie) e Kill Bill(Vol 1 e 2), insomma una garanzia di spettacolo e combattimenti al fulmicotone. In "Fearless" è chiaro il richiamo ai film dei primi anni 90 prodotti nella ex colonia inglese, la mente vola subito alla serie di "Once upon a time in China", con protagonista lo stesso Jet Li. Niente che suoni innovativo quindi, ma forse l'intenzione era quella di riproporre dei duelli ben coreografati e oliati a dovere, si veda per es. lo scontro all'interno del ristorante, brutale, veloce, e con ossa che si spezzano nella frenesia dell'azione.

Divertente notare come gli occidentali vengono descritti durante il film(indicativa la sequenza in cui Huo Yuanjia fa il suo ritorno in città), praticamente sono esseri (quasi)disgustosi, si potrebbe dire lo stesso dei giapponesi se non fosse per il personaggio di Anno Tanaka(Shido Nakamura) che si dimostra un degno e leale avversario del protagonista. Compare anche qualche pennellata di CGI, soprattutto per ricostruire gli scenari storici della vecchia Shangai. Da vedere.

Rating: 7/10

Commenti