The Magic Blade (1976) di C. Yuen


Tit.originale: "The Magic Blade" (ingl.)
paese: Hong Kong

Wuxiapian raffinato e spettacolare con protagonista il fantastico Ti lung, diretto da uno degli autori di punta degli Shaw Bros: Chor Yuen.

Lo spadaccino Fu Hung Hsieh(Ti Lung), dopo un anno dal primo scontro, torna per concedere la rivincita al rivale Yen Nan-fei(Lo Lieh) ma i due combattenti rinviano la sfida per unire le forze contro una serie di attacchi da parte di misteriosi killer al soldo del maestro Yu, un uomo avido di potere che brama il dominio delle arti marziali. Yu è anche sulle tracce di una potente arma magica, "La coda del pavone", in grado di sconfiggere qualsiasi avversario ma Fu e Yen tentano di anticiparlo ed entrare in possesso del talismano.
Chor Yuen è un regista ingiustamente poco ricordato nonostante sia uno dei maggiori autori dei leggendari studi della Shaw Brothers per i quali dirige svariati film, un artista che per stile si può collocare a metà strada tra l'eleganza e sobrietà di King Hu("A touch of Zen") e la forza brutale di Chang Cheh("Boxer from Shantung"), in definitiva al fianco dei più grandi del periodo.

Chor Yuen è uno specialista in atmosfere erotiche ed elaborate, "Intimate confession of a Chinese Courtesan"(1972) è uno dei più famosi film di questo genere, ma è solo verso la metà degli anni 70 che inizia una serie di pellicole tratte dai racconti di Gu Long che si rivelano fortunati e pieni di spunti interessanti. Tra le prime opere vi sono "Killer Clans", un autentico classico delle arti marziali, e "The Magic Blade" che esce nello stesso anno.

Ti Lung("La mano sinistra della violenza", "Implacabili colossi del karate"), probabilmente il più grande attore marziale della Shaw Bros.,interpreta il valoroso Fu con un portamento degno del Clint Eastwood dei film di Sergio Leone, vestito con un poncho che nasconde una micidiale spada-rotante, una delle più belle armi viste in un film di arti marziali, tanto che anche Tsui Hark la ripropone simile nel suo straordinario "The Blade"(1995). Al fianco di Ti Lung compare il famoso Lo Lieh("Cinque dita di violenza")nel ruolo comprimario di Yen.

L'eroe Fu Hung Hsieh si muove triste e solitario in un mondo minaccioso che cela un pericolo dietro ogni persona, pronta a colpire a tradimento al servizio di Yu, egli può fare affidamento solo sulla sua infallibile arte marziale per combattere gli inganni e i doppi-giochi che si trova ad affrontare. C'è un filo conduttore di pessimismo e ineluttabilità nella rincorsa verso Yu da parte di Fu che si può riassumere nel toccante incontro con una giovane ragazza affamata, che l'eroico spadaccino non riesce a salvare dalle grinfie di alcuni killer.

"The Magic Blade" come suggerisce il titolo sconfina nel fantasy, in particolare nell'utilizzo di armi fantasiose (la "coda di pavone" per es.), ma è più propenso a inserire elementi bizzarri e stranianti nella raffigurazione dei personaggi, come nel caso di un'inquietante vecchia sdentata che si rivela per Fu un nemico molto pericoloso, abile nell'uso dei veleni e con inclinazioni da vampiro, oppure il giovane killer-transessuale con la voce di donna. Anche le inventive coreografie dei combattimenti si segnalano per l'originalità: alcune riproducono partite a scacchi a grandezza umana con i contendenti-pedina che si danno battaglia, mentre si può ammirare anche un nugolo di soldati-ninja che si muovono sincronizzati per creare ideogrammi scritti al suolo e formazioni di combattimento impressionanti.

Una delle caratteristiche principali dei film di Chor Yuen sono le scenografie riprodotte in interni con cura maniacale, spesso con sfondi di cartone chiaramente finti ma in grado di trasmettere genuino stupore e incanto, in cui i colori sono sgargianti grazie una fotografia che risalta i cromatismi anche nelle sequenze buie, quasi in puro stile Mario Bava.

I combattimenti sono distribuiti lungo tutta la pellicola e risultano piuttosto veloci e ricercati, ideali per esaltare il carisma di Ti Lung, soprattutto verso il finale l'attore affronta diversi nemici in un crescendo di tecniche di kung fu e colpi da spada.
Un wuxiapian formidabile che può piacere anche alle persone estranee al genere per la sua carica visionaria e spettacolare.

Rating: 9/10

Commenti