Mad Monkey Kung Fu (1979) di Liu Chia Liang


Tit.originale:"Mad Monkey Kung Fu"(Ingl.)
paese: Hong Kong

Kung fu comedy diretta e interpretata dal maestro Liu Chia Liang basata sullo stile di combattimento "Houquan", il pugilato della scimmia.

Chen(Liu Chia Liang) e la sua graziosa sorella sono l'attrazione principale di uno spettacolo teatrale di arti marziali. Il signor Tuan(Lo Lieh), un boss senza scrupoli che ha da tempo messo gli occhi sulla giovane, con l'inganno riesce ad incolpare Chen di stupro e renderlo inerme mutilandogli le mani mentre costringe la ragazza a restare nella sua casa come concubina per sdebitarsi della grave offesa del fratello. Passano gli anni, Chen vive di espedienti come saltimbanco accompagnato da una simpatica scimmietta, nel frattempo conosce un giovane che lo implora di insegnarli le tecniche dello "stile scimmia" per affrontare i prepotenti comandati da Tuan.

Verso la metà degli anni 70 Liu Chia Liang passa dietro la macchina da presa, precisamente con il film di debutto "Spiritual Boxer"(1975), dopo avere contribuito per circa un decennio nelle vesti di martial art director ad alcuni dei migliori film del grande Chang Cheh. Come regista Liu Chia Liang si completa e dimostra un'abilità fuori dal comune nel rappresentare il kung fu cinese al punto da divenire un simbolo del cinema marziale di Hong Kong con titoli-capolavoro come "La 36^ camera di Shaolin"(1978) e "Shaolin sfida Ninja"(1978).

"Mad Monkey Kung Fu" esce lo stesso anno di "Dirty Ho", quest'ultimo uno dei migliori film dell'autore, una kung fu comedy che si segnala per la presenza stessa di Liu Chia Liang come attore protagonista, all'epoca 43enne, nel ruolo del maestro di arti marziali Chen con il debole per il vino, un vizio che gli costa un raggiro e la mutilazione delle mani. Liu Chia Liang divide la scena con uno dei suoi allievi del periodo, il più famoso è il mitico "figlioccio" Gordon Liu("La 36^ camera di Shaolin", "Kill Bill"), il giovane Hsiao Ho visto anche in "Shaolin sfida Ninja" e "Executioners from Shaolin" scelto per le spettacolari doti atletiche dello stile "kung fu scimmia".

Nel corso della pellicola si rincorrono numerose gags, magari indigeste per il pubblico occidentale medio, piene di personaggi buffi capaci però all'improvviso di trasformarsi in violenti aguzzini che inscenano brutali pestaggi anche ai danni di una povera scimmietta, una sequenza ancora oggi piuttosto forte. "Mad Monkey Kung Fu" si inserisce nel filone classico della vendetta, la trama ricorda addirittura "La mano sinistra della violenza" con il suo protagonista menomato costretto al ritiro forzato, inoltre compare un villain infido e pericoloso interpretato dal prestigioso Lo Wei("Cinque dita di violenza"), non nuovo a ruoli negativi e corrotti.

I combattimenti sono davvero notevoli, improntati sull'arte marziale imitativa del regno animale, in questo caso della scimmia, uno stile di combattimento che prevede un baricentro basso dal quale lanciare colpi fulminei di attacco tipici del dinamismo delle scimmie, una tecnica di offesa repentina e acrobatica composta di piroette e salti. Viene comunque posto l'accento anche sul carattere burlesco di questa curiosa arte marziale tanto che ad un certo punto Hsiao Ho, chiamato guarda caso "Little Monkey", si presenta ad un'esibizione camuffato da scimmia con peli posticci e, anche in seguito, spesso e volentieri si arrampica e dondola a degli appigli come un animale.

Alcune sequenze, sempre piacevoli e divertenti, ricordano il training di allenamento visto in "Drunken Master"(1978) con al centro il maestro che impartisce dolorosi e improbabili esercizi al giovane allievo, il film resta sempre su buoni livelli nonostante un'eccessiva lunghezza(circa due ore) ed è considerata tutto sommato un'opera "minore" di Liu Chia Liang, forse ingiustamente, "Mad Monkey Kung Fu" è comunque imperdibile per gli amanti del kung fu vecchia scuola che non potranno fare a meno di apprezzare l'ottimo e super-coreografato duello finale. Disponibile in dvd, ottima qualità video ed extra interessanti.

Rating: 7/10

Articoli collegati:
Ritorno alla 36^ camera

Commenti

Davide Di Giorgio ha detto…
E' uno dei titoli usciti per la collana Shaw Bros della Avo Film, giusto? Sono rimasto un po' indietro con le ultime uscite ^^
Sciamano ha detto…
Giusto!...E' uscito sempre per la stessa collana anche il celebre "Le furie umane del Kung fu"(Five Venoms) di Chang Cheh
Sciamano ha detto…
(OT)Dimenticavo...grazie per i ragguagli tecnici che mi hai dato, ne ho subito approfittato.
Davide Di Giorgio ha detto…
Figurati, è stato un piacere ;)