The Stooges: No fun my babe, no fun


Colgo l'occasione dell'uscita, in allegato al numero N. 222/223 di luglio-agosto della rivista "Rumore", di una guida-libretto da leggere tutta di un fiato sul gruppo storico degli Stooges a cura di Luca Frazzi. Un'altra scusa per parlare degli Stooges è che 40 anni fa, cioé gente quaranta(!!), usciva l'incredibile "Fun House" da molti considerato la summa del gruppo. Personalmente non so ancora quale scegliere dei tre dischi capolavoro della band, tre soli dischi per anticipare i seguenti 40 (50?) anni di musica rock/punk/metal/ecc.: "The Stooges" (1969), "Fun House" (1970), "Raw Power" (1973). Nella discografia rientrano inoltre: il live semi-bootleg "Metallic k.o." (1976) e un quarto album ("The Weirdness) uscito però nel 2007, per la reunion dei reduci.
Il mio cuore batte per Danzig ma gli Stooges sono stati la più grande rock band di tutti i tempi.

Commenti