Danzig live report / 2 giugno 2011 / Rho Fiera (Milano)




Tutto esaurito per il ritorno dei System of a Down, headliner, con il supporto dei gruppi spalla Anti-Flag, Voltbeat, Sick of it All e.....DANZIG!
Purtroppo, premetto, il concerto dei mitici Danzig è stato un flop totale.
Il palcoscenico è la nuova location del polo fieristico di Rho-Pero, a 100 mt. da Milano, una spianata gigantesca di asfalto di fianco ai mega hangar delle esposizioni. Boh, mi sembra di non ricordare un posto cosi grande in Italia, il palco è enorme e in posizioni strategiche vi sono 4 mega schermi, alla fine davvero utili dato che vedere da vicino i gruppi è quasi impossibile. Il pubblico si può distribuire in un spazio rettangolare lungo 1 km e largo almeno 300 metri...o poco ci manca. Si parla di 40.000 presenze....no, dico....40 mila!
Mi ha dato fastidio vedere che la zona davanti al palco è transennata, come una sorta di privé, mi pare di avere capito che per entrare dovevi essere munito di un biglietto/prenotazione più costoso....più costoso? il biglietto posto unico costa 69 euro!
Ok, in mezzo a tutta questa gente ero l'unico, giuro non scherzo, a indossare una t-shirt dei Danzig. Un campanello d'allarme. In Italia Danzig ha un'esigua schiera di fans, poi bisogna aggiungere che molti, come il sottoscritto, si sono mossi tardi per i biglietti....andati esauriti in poco tempo in mano ai supporter dei System. Quindi mi sono dovuto arrangiare e spendere una fortuna per trovare un biglietto, con il risultato di ritrovarmi solo soletto in mezzo a una bolgia di ragazzini....
Iniziano gli Anti-Flag con il loro energico punk-metal, hanno il compito di scaldare la platea che viene stuzzicata con messaggi anti-Berlusconi, una cover dei Clash e via, i successivi Voltbeat sembrano una versione "commerciale" degli Slayer che, passando anche a una citazione di Johhny Cash, non possono fare a meno di evocare nella chiusura. Fin qui il pubblico reagisce benino, sembra divertirsi. Terzo gruppo gli old school masters hardcore from New York Sick of it All, sarà la terza-quarta volta che li vedo, fanno sempre lo stesso show da 20 e passa anni ma non stufano, invece l'accoglienza non è gran ché. La gente comincia a essere un po' bollita, il programma e lungo, e tra un concerto e l'altro vi sono sempre 30/45 minuti di attesa. A pagarne le conseguenze i Danzig che, inoltre, hanno sonorità più rallentate e pregne di pathos che in un calderone del genere si vanno a fare benedire.
Entra Glenn sul palco e scende il gelo, roba da matti, alcuni pischelli davanti a me iniziano a sghignazzare alla vista di Glenn non proprio in gran forma fisica, li voglio vedere gli stessi a 56 anni, comunque i Danzig partono con "Skin Carver", Glenn, noto, è nervoso di brutto, penso che si capisce subito quando hai il pubblico contro, comincia a spostare di peso gli amplificatori che ha davanti i piedi, accorre quindi un roadie samoano(??) a finire l'operazione, poi arrivano "Twist of Cain", "Hammer of the gods", "Death Red Moon", che è forse quella eseguita meglio", la mitica "Her Black Wings", nel frattempo il pubblico è sempre più insofferente e sfocia in una vera e propria contestazione. Io naturalmente in imbarazzo, con gente che alza il dito medio e urla "System, System!!". Glenn viene colpito da una bottiglietta di plastica, mi sembrava vuota, però il gesto lo irritta non poco, infatti manda a fare in culo il pubblico con poche frasi "noi siamo una vera band che non usa trucchetti, se non vipiace quello che facciamo non me ne frega un cazzo, noi ce ne andiamo, fottetevi"
Perdonali Glenn perché non sanno quel che fanno, so giovani, sono bimbominkia, purtroppo sono lontani i tempi del Palasesto di S.S.Giovanni (Mi), 1992, quando in pochi(ma pur sempre qualche migliaio) ma buoni fans eravamo accorsi per la tua prima venuta in Italia. Vabbé Glenn poi si mette, in questo clima di rivolta, a suonare la drammatica "How the Gods kill", stravolge la scaletta, nel senso che metà non viene eseguita, e conclude con "Thirteen" e "Mother". Per quel poco che hanno suonato i Danzig, in un clima ostile, è stato un buon concerto, la voce di Glenn regge ancora nonostante le difficoltà di riproporre canzoni con parti vocali tutt'altro che facili. Finito il concerto mi volto per mettermi in disparte, mi si para davanti una folla immane, ci metto 10 minuti buoni a raggiungere i bordi, un tizio mi ferma e legge la mia maglietta "scusa, fammi vedere chi sono, i Dan...zz...igg..??", e io "si, si sono i Danzig..." come la devo prendere: come la presa per il culo finale? Certo che amarezza, comunque dovevo esserci, di sicuro non sono andato per vedere i System, dopo i primi 4 loro pezzi me ne sono andato, anche perché ero fisicamente a pezzi.
Ho cercato la prima rece in rete del concerto e, con piacere, noto che è davvero in linea con il mio pensiero....metto l'indirizzo qui sotto, da leggere......
certo che mi fa vacillare il fatto che l'autore si sente "vecchio", essendo nato i primi anni 80, pensa che io sono ancora più "stagionato"......volevo fare, infatti, una considerazione sullo scorrere dei decenni ma preferisco lasciar perdere. Tanto il tempo passa per tutti.
:(clicca)System Of A Down – Arena Concerti Rho, Milano 2 giugno 2011


Dead Inside su Facebook:https://www.facebook.com/pages/Dead-Inside/251824588280249?ref=tn_tnmn

Commenti

Marco ha detto…
Mi dispiace ma ero presente anche io ieri a Rho,beh i Danzig hanno fatto PENA e te lo dice uno che a 21 anni li ascolta stravolentieri a casa nelle versioni studio!Sono stati una delusione totale,cosi come i sick of it all,una gran caciara ma mi hanno trasportato veramente poco!i Volbeat li ho trovati una buona band anche piacevoli con questo stile un po strano!Ma ripeto che la delusione piu grande sono stati i Danzig,e scusa se te lo dico,ma come fai a dire che la sua voce tiene ancora? A me ha fatto una tenerezza\pena mostruosa!
Sciamano ha detto…
Dal vivo i Danzig non hanno mai veramente brillato, la voce di Glenn é sempre stata criticata, penso che sia (quasi)impossibile pretendere i picchi che si sentono su disco. Ora ieri c'erano anche seri problemi tecnici e di acustica(per tutti i gruppi, System compresi). A me, rieto, la voce di Glenn non mi é dispiaciuta. In un altro contesto avrebbe reso di più di sicuro,la stessa cosa la posso dire dei SOIA...
A me hanno fatto più pena i constestatori, sinceramente. ciao.
Jacopo ha detto…
Ciao a tutti..anche io ieri ero al concertone ed ero praticamente appena dopo la seconda fila di transenne..ovvero ad osservare quegli str... che erano nel cosiddetto "Privè" che giocavano a carte o si limonavano senza sosta. Cose avvenute dalle 13 alle 21 ininterrottamente suscitando la mia ira e quella di tutti i miei compagnoni limitrofi. Ma vabhe, passiamo oltre a queste cose.
Ho assistito con attenzione alle esibizioni precedenti a quella "fonicamente discutibile" dei system. Ho trovato molto bravi gli anti-flag nella loro pazzia giovanile, i Volbeat interessantissimi e divertenti, i poco trascinanti e coinvolgenti Sick of it all e infine i nostri amati Danzig. Ti dico solo questo: in tutta l'area che mi circondava, ero l'unico ad aver mantenuto costantemente alzata la mano per inneggiare a Glenn mentre gli altri si prodigavano in fischi, urla e insulti di genere. Io, personalmente, ho trovato la performance dei Danzig una vera bomba, non solo perchè ho assistito all'esibizione di una leggenda vivente dell'heavy metal nonchè fondatore di un'altra band leggendaria prima degli stessi Danzig, ma anche perchè, problemi di audio/fono assolutamente evidenti e non dipendenti dalla volontà del nostro buon Glenn, mi ha fatto piacere sentire musica diversa dai pastoni sonori punk/hardcore che mi avevano infarcito le orecchie di decibel poco prima. La voce di Glenn, come dice Sciamano, è sempre stata oggetto di critiche ma nonostante questo a me i Danzig sono piaciuti molto più che, per esempio, i Sick of it all..ma 100.000 mila volta di più..Il pubblico era stupido e ottuso ma soprattutto IGNORANTE. Non si accoglie così una Leggenda, chiunque essa sia.
Ludovico ha detto…
Ragazzi ieri ero in quello che voi chiamate "Privé" ma in realtà ho pagato euro 70 come voi solo che ero lì dalle 10 di mattina e ho dovuto correre per chiappare posto. Leggera differenza.
Lobotomia ha detto…
cioè ha ancora la voce? ma che concerto hai visto? avevi forse il lettore mp3 e lo ascltavi in playback? O_O
Sciamano ha detto…
@Jacopo: le tue parole sono confortanti, grazie per il lungo e sentito commento;)

@Ludovico: beh, se é cosi, allora la cosa cambia e non di poco ed é di sicuro più accettabile.

@Lobotomia: io ero a 30-35 metri dal palco e sentivo chiaramente la voce delle persone accanto a me. E' chiaro quindi che il sonoro faceva cagare, come ripeterò fino alla nausea il canto di Glenn Danzig é già di per sé di estrema difficoltà, avolte le parole "saltavano"(cioé non si sentivano proprio) eppure quello che é filtrato a me ha convinto.
E' ovvio che sentire parlare male delproprio beniamino (mi)scoccia, allo stesso tempo io non posso fare a meno di far notare chi é irrispettoso. Da una leggenda come Glenn Danzig c'è solo da imparare..
Gianni Romanelli ha detto…
Faccio i complimenti al recensore perchè è la prima cosa obiettiva che leggo su DANZIG del concerto a Milano e consiglio vivamente di leggere la recensione di gente come un recensore a questo link: http://musicametal.blogosfere.it/2011/06/anti-flag-volbeat-sick-of-it-all-danzig-foto-report-dei-supporter-ai-system-of-a-down.html leggete e commentate le sue parole tristissime. Condivido con chi dice che da DANZIG si deve solo imparare, e che non si accoglie cosi, chiunque essa sia, una leggenda del Metal come GLENN! La sua voce era perfetta, non al 100% ma al 90 si! E poi si sà come è l'attitudine del grande DANZIG non di certo fa il palo al microfono! Grandissimo DANZIG come sempre immenso, spero non torni più in questo paese, non lo meritano.
Sciamano ha detto…
@ Gianni Romanelli: grazie x i complimenti!!..concordo in pieno;)
Ho letto l'articolo che indichi, noto anche che nei commenti c'è già una polemica in corso, trattare Glenn Danzig in questo modo mi lascia sempre perplesso. In questo caso si capisce che il recensore ha il dente avvelenato per l'allontanamento dei fotografi voluto da Danzig.
Comunque, in generale, la critica ci può stare...e quando si entra nello scherno gratuito, o peggio, nell'insulto che a me cominciano a girare le palle a elica.
Danzig in questo concerto, bisogna aggiungere, c'entrava poco o nulla, é anche vero che il suo tipo di proposta musicale é molto particolare, é sempre stato fuori dai trend modaioli e questo lo ha sempre pagato caro. Aspetto questo che invece ha sempre esaltato i suoi fans.
L'Italia non lo merita? dopo il concerto di giovedi...direi di si.
Già consideravo questo appuntamento come l'ultima occasione per vedere Danzig dalle nostre parti, quindi ritengo che con il nostro paese il discorso sia chiuso.
Anonimo ha detto…
Neanche Serj era prorio in forma eppure la sua voce è arrivata dritta a 39.900 persone...la carriera di Glenn non si discute ma arriva il momento in cui fisicamente non ce la fai più...bisognerebbe essere più obbiettivi...non perchè il tuo beniamino è stato contestato ad un concerto in cui c'entrava poco devi dare dei "bimbiminkia" a chi apprezza i System...
Sciamano ha detto…
no, no..di BIMBOMINKIA ero circondato. Se uno si nasconde tra la folla, insulta, alza il dito medio, urla "System, System" per interrompere il concerto, qui, in questo blog, dove Danzig é una divinità non la passa liscia. La pensi diversamente? la porta é quella, prego accomodati.
Obbiettività? ma per favore, lasciamo stare. E' mancato il rispetto, é emersa l'ignoranza, quindi adesso si pagano le conseguenze.
Anonimo ha detto…
Ne parli come se certe cose accadano solo in Italia...(quando saprai meglio di me che non è affatto così)
Ne parli come se soltanto quelli nati in un'altra epoca storica sappiano cosa significhi la parola Musica (quando tanta ignoranza girava anche in passato)
premesso che son d'accordo con te sulla questione del rispetto,
credo sia normale che al concerto dei System Of a Down la maggior parte della gente voglia ascoltare i System of a Down;
la sfortuna dei Danzig è stata, oltre ai problemi di acustica,non avere un pubblico compatibile col genere, l'aver suonato per quarti, soprattutto dopo il "rumore"(a mio parere) dei SOIA, e infine la voce di Glenn non proprio al top...
quello che non condivido non è la condanna degli insulti ai Danzig, ma il giudizio (sempre a mio parere) un po' ingrato e superficiale ai System e a chi li ascolta...l'obbiettività che chiedevo era nel riconoscere che siano un gruppo che ha tracciato un solco importante nella storia del Metal.
Sciamano ha detto…
Allora, dei System come si può notare dall'articolo....non ne parlo, non mi interessano più di tanto, però non mi sogno di insultarli. Hanno il loro successo, che se lo godano tutto.
Ora, in scaletta Danzig aveva 16 canzoni, ne ha suonate solo 8 (se non erro)!!!, interrotto da una contestazione INFAME.
Mi sarà permesso di essere, come dire, un pò "scocciato", per usare un eufemismo?
Cioé fammi capire, oltre il danno la beffa, devo stare pure attento a quello che dico e penso?
Ti fanno schifo i Danzig? ok, però non permetterti di lanciare oggetti o di insultare e altre cose simili.
Hai solo voglia di vedere i System? mi sta bene, però ora fai il bravo e prova ad ascoltare colui che é considerato una leggenda del rock metal.
Non se ne esce, chi ha fatto i cori infami, alzato il dito, lanciato oggetti, insultato, provocato l'interruzione del concerto, sarà sempre bollato come un BIMBOMINKIA. Che poi molti di questi erano/sono fans dei System é solo un fatto incidentale, molti erano li per loro, ma il discorso varebbe se fosse successo, che ne so, a un concerto dei Metallica.
Poi uno mi può venire a dire che Glenn non aveva voce, che le canzoni gli fanno schifo, tutte cose legittime, io naturalmente non sono d'accordo, però volevo anche vedermi un concerto dei Danzig in santa pace.
Comunque grazie x l'intervento schietto.
Esteban ha detto…
Bhoo, mi sembrano un po troppo di parte si la recensione, sia la tua difesa a spada tratta di Glenn. Io sono del parere che non basta vivere di luce riflessa del passata. Non si discute che é (é stato) un grande, ma non per questo merita il "rispetto"; va meritato, nelle performace live soprattutto, e ancor di più se fai da spalla, a quale gruppo non importa.
Non ho trovato carino il lancio di bottiglie, si poteva evitare, ma se a così tante persone ha fatto pena la sua esibizione, trovo più che lecito che inizino i cori di protesta e un qualche dito medio alzato (ho preferito il coro: Sopprimiamo Gigi d'Alessio :-P) Cmq ti ricordo che si trattava di un concerto metal, non una passeggiata fuori porta con i bimbi.
Io ero andato esclusivamente per i SOAD, ma ho apprezzato anche altri gruppi, specialmente Anti-Flag, pur non centrando troppo con lo stile dei SOAD, quindi mi sembra un scusa campata in aria il fatto che lo stile di Glenn non centrasse molto. Se faceva un'esibizione buona, non si sarebbe buscato una bottigliata!! Vero é che, a mio parere, ho trovato un esagerazione la presenza di 4 gruppi prima dei SOAD, anche perché farsi una maratona dalle 16 alle 23 passate non é cosa da poco. Forse se Glenn avesse suonato prima sarebbe stato diverso, chi lo sa.
Ciao.
Gianni ha detto…
@MARCO. Marco scusa se te lo dico ma a 21 anni anche ascoltandoli volentieri quanto conosci i DANZIG? Da quando li ascolti nel grembo materno? La voce Glenn la ha e come e bisogna seguire un artista per giudicare sulla quantità non su un unica data!
Sciamano ha detto…
@ Esteban: rispetto il tuo intervento, ma non lo condivido (la contestazione é iniziata SUBITO e poi fare interrompere un concerto non ha scusanti). La mia una rece di parte? certo, al 100% dalla parte di Danzig. Ciao.
alfonsedonatien ha detto…
A VOLTE MI VERGOGNO DI ESSERE ITALIANO...QUI NON SONO STATE RISPETTATE NEMMENO LE REGOLE FONDAMENTALI DELL'EDUCAZIONE E DELL'OSPITALITA',VERSO UN ARTISTA CHE HA CONTRIBUITO A CREARE,SIGNORI MIEI,UN INTERO GENERE MUSICALE.
INUTILE DIRE CHE HO TENTATO PER QUANTO POSSIBILE DI SCHIACCIARE IL MAGGIOR NUMERO DI TESTINE DI CAZZO DI ADOLESCIENTI BRUFOLOSI E INGOBBITI DALLE INNUMEREVOLI PIPPE,FATTE DAVANTI AL PC,CON UN POGO SELVAGGIO!CON SCARSI RISULTATI...SE NON QUELLO CHE STANTI COSI' LE COSE CHISSA' QUANDO RIAVREMO IL ''NOSTRO'' A SUONARE DALLE NOSTRE PARTI!COME I MANOWAR,PER ALTRI VERSI.ODIO PROFONDAMENTE QUESTA LOGICA\CULTURA DA STADIO,CHE PROSPERANDO NELL'IGNORANZA PIù BECERA,PERMETTE A CHIUNQUE DI FARE QUEI CORETTI DEL CAZZO CONTRO QUALCUNO PER CONTESTARLO;ROVINANDO COSI' ANCHE LA PIU' FORMIDABILE DELLE ESIBIZIONI.SONO UN MUSICISTA E DA MOLTI ANNI FREQUENTO CONCERTI E FESTIVALS,MA NON MI è MAI PASSATO PER LA MENTE DI CONTESTARE QUALCUNO IN QUEL MODO,ANCHE SE LA MUSICA IN QUESTIONE MI FACEVA CAGARE;SE NON ALTRO PER RISPETTO DI CHI HA COMPERATO IL BIGLIETTO ACCANTO A ME!QUINDI TU BOICOTTI DANZIG? IO TI SFASCIO IL CRANIO...VORREI VEDERLI QUEI CRETINETTI DIRE FACCIA A FACCIA A GLENN CHE FA SCHIFO:CHE CORAGGIOSI! E' SEMPRE UNA QUESTIONE PESO! \m/
Gianni ha detto…
GRANDE ALFONSEDONATIEN!!!!!!!! GRANDE! CONDIVIDO A PIENO!
Anonimo ha detto…
ah ah ah...il mito fa da spalla ai system...!!! se volete stare sotto il palco, voi che vi spacciate x cultori del metal, alzatevi prima e andate a prendere i posti buoni senza poi dire che chi era davanti li ha pagati di più....e venite pure a pogare con quelli che chiamate bimbiminkia...sò finiti gli anni '80...sveglia....!!!
Aldo ha detto…
Per me Danzig rimane sempre e comunque un mito...a 56 anni e nelle condizioni di cui avete descritto (audio pessimo ecc) sono sicuro che è riuscito cmq a fare una gran bella permormance...certo, se si ha un pubblico contro........grazie a Dio ho più di 30 anni e non ero al concerto...altrimenti avrei scatenato una rissa pro-Glenn ;)
Anonimo ha detto…
non credo ti conveniva....!!
Sciamano ha detto…
@Alfonsedonatien: commento acceso che rende bene, vai! ;)

@Aldo: il report é arrivato, con amare sorprese, capita purtroppo....

Per il resto non ho voglia di aprire ulteriori polemiche, ormai il danno é stato fatto, nonostante tutto sono contento lo stesso di avere (ri)visto e (ri)sentito Glenn Danzig, un vero artista che ha sempre seguito la sua indole fuori dagli schemi.
alfonsedonatien ha detto…
IO non mi spaccio x un cazzo di niente:c'ero sotto il palco e qualche testolina col ciuffettino l'ho schiacciata,non so cosa sono questi minchia del cazzo e non lo voglio sapere!Ricordo una cosa che mi disse Trevor dei Sadist almeno una decina di anni fa:capita ai festival di avere qualche coglione sotto il palco che per fare il figo ti alza il dito medio,ti insulta e cerca di fare il duro;bene quel coglione non sa che finito il mio turno io scendero' tra il pubblico e andrò a cercarlo,tanto per fargli capire come la penso! immaginate la scena dico io...qui non si tratta di anni 80, o 90 o quello che vuoi;qui si tratta di chi ha fatto la storia,di chi è un vero artista e lo ha dimostrato ampiamente,e di chi invece ancora non ha dimostrato un cazzo...e fa solo una operazione commerciale!fra dieci anni Danzig sara' ancora Danzig, e gli altri invece?
Ricordatevi approposito di chi suona prima e chi dopo, che in questo paese gente come i Manowar non vengono a suonare perchè in disaccordo(in causa) con chi li organizza questi eventi!
alfonsedonatien ha detto…
@anonimo i tuoi commenti a me risultano tali e quali al tuo nome:ricorda sempre di rispettare chi è meritevole di rispetto...potresti usufruire un giorno di tale trattamento.chi siamo noi per impedire a qualcuno di esprimersi compiutamente e liberamente? Credo che questa deriva ottusa,che ho sentito quasi accettata e giustificata da alcuni in vari forum e in questo,sia indice del fatto che in Italia poi non ci possiamo lamentare se alcuni musicisti da noi non vengono...ci sta' bene,beccatevi gigi d'alessio!!!
stefy_smile ha detto…
gli "str.." che erano sotto al palco sono partiti alle 3.15 di mattina da roma per arrivare li alle 11.30 per farsi 9 ore e rotte di attesa... se ti svegliavi prima stto al palco ci stavi pure te imbecille!
stefy_smile ha detto…
"Ciao a tutti..anche io ieri ero al concertone ed ero praticamente appena dopo la seconda fila di transenne..ovvero ad osservare quegli str... che erano nel cosiddetto "Privè" che giocavano a carte o si limonavano senza sosta. Cose avvenute dalle 13 alle 21 ininterrottamente suscitando la mia ira e quella di tutti i miei compagnoni limitrofi" jacopooooo ma falla finita rosiconeeeeee!!!!! io giocavo a carte in quello che voi chiamate "privè" beh problemi? se arrivavi prima stavi anche te la!
Sciamano ha detto…
la storia del privé ha rotto il cazzo...anche perché é stata chiarita, in modo civile, già qualche giorno fà. Quindi i fenomeni é meglio che contino fino a 10 prima di scrivere. Ok?
Aldo ha detto…
Caspita, discussione bella accesa :)
Cmq, riguardo Danzig, spero di poterlo vedere in un contesto più "ristretto" (anche se probabilmente non accadrà mai...)

in generale, i concerti più belli (soprattutto in quanto ad audio) li ho visti in posti piccolissimi o che cmq non superavano le mille persone(Eccezion fatta per il BOSS a San Siro ;) ).
Qualche esempio: Cris Cornell e Darkness all'Alcatraz di Milano, Eric Sardinas al vecchio transilvania live (concerto mitico..ci saranno state 100 persone..mamma mia!!)
Esteban ha detto…
@ Sciamano: Immaginavo che non condividevi il mio intervento, ma é solo la mia personale opinione, non il cosiddetto "oro colato"! Penso che tanti, come me, erano presenti per i SOAD, e altrettanti non sapevano neanche chi fossero i gruppi che suonavano prima dei SOAD finché non erano presenti al concerto. Poi é normale: gli anni passano e le generazioni cambiano...a volte in meglio, a volte in peggio.

@alfonsedonatien: Sii realista per favore... non puoi dire caxxate come "ROVINANDO COSI' ANCHE LA PIU' FORMIDABILE DELLE ESIBIZIONI"... se queste era formidabile, allora mi chiedo come fate a sostenere così un cantante del genere (preciso: mi riferisco prettamente al concerto!!!!). Poi questo pavoneggiarsi da grande metallaro definendo chi non apprezza la musica che piace a te come "adolescenti brufolosi".. perché tu non sei mai stato adolescente...

E tengo a precisare che aul tocket c'era scritto "SYSTEM OF A DOWN + special guests" e non "Danzing + special guests"...

Adesso seguo il consiglio di Sciamano e visto che la penso diversamente, prendo la porta e vi saluto prima di risultare offensivo per qualcuno.
anonimo2 ha detto…
sciamano abbassa la cresta! state riscrivendo la divina commedia nella versione integrale! quindi non lamentarti se qualcuno si annoia a leggerla tutta!
DVD7 ha detto…
...e cmq sto mito non so se ha mai fatto 40000 persone in carriera...x vederle ha accompagnato i SOAD...!è qst la nostra soddisfazione...aspettatelo nei localini da 50 posti, magari qualche gruppetto di provincia gli apre il concerto...!!!
Valz138 ha detto…
Da dov'ero io non ho potuto vedere i buzzurri all'opera ma sin da "Twist of Cain" s'è capito che le cose si sarebbero messe ancor peggio (se non si sente cantare durante quella canzone...).
Che saremmo stati quattro gatti l'avevo previsto, ma speravo di non dover assistere a uno scempio simile.
Se fra i frequentatori di Dead Inside c'è un ragazzo che al concerto indossava la maglia col Crimson Ghost e (se non erro) due lame "piratesche" incrociate: io sono la ragazza che ti ha detto "bella maglia". Avrei voluto attaccare bottone con un "fellow fiend" ma ero parecchio arrabbiata e mi stavo riprendendo da un malore.
Per Sciamano: mi piacerebbe avere un racconto del concerto che tenne durante "HTGK" Tour nel 1992. C'eri anche l'anno prima, a Firenze? Io all'epoca avevo solo 14 anni (15 nel '92) e non potevo macinarmi tutti quei km (abito a PG).
http://valz138.deviantart.com/art/CAN-T-SPEAK-CAN-T-CRY-212073816
Marco ha detto…
@GIANNI, mi ha sempre fatto incazzare a bestia quando mi si dice:"tu hai 21 anni,non sai niente della musica,non sai niente del metal"! io trovo che l'età non sia un requisito fondamentale! anzi trovo molto piu ignoranti persone di 40 o 50 anni che criticano a priori i gruppi di adesso,solo perchè fanno "casino" e "baccano"!La musica si è evoluta e ha subito dei cambiamenti,dai black sabbath,miei idoli,per passare ad altre 100 band,ciascuna aggiungeva qualcosa in piu!Lo stesso discorso vale per DANZIG,ho ascoltato ogni fottuto disco per 3 volte,so i pezzi a memoria e la loro storia,beh io ho speso 70 (settanta) euro,ho 21 anni e studio...non sono bruscolini per me! beh trovo che sia stata un esibizione penosa, voi parlate del rispetto e avete assolutamente ragione,ma trovo che anche l'artista debba avere rispetto per il pubblico,io sono assolutamente contro il lancio di oggetti e insulti,ma lui a sua volta da grande artista quale è stato deve capire che un live come il suo di fronte a 40000 persone non va piu bene!
Bene,dopo tutto il discorsone filosofico vorrei scrivere che in questo momento ho come sottofondo Danzig II: Lucifuge, darei un coglione per ascoltare un Glenn Danzig in quella forma!!!e l'ultimo appunto per i 50enni che si spacciano tutti critici musicali,ricordatevi che l'età non da il diritto di insultare noi ragazzi e ancora di piu non da il diritto di insultare quello in cui crediamo noi ragazzi giovani!Dovete crescere un po non anagraficamente ma mentalmente!aprire i vostri orizzonti e capire che il mondo non è finito nel 1985 ma si evolve,con lui anche la musica, i ragazzi , le mode e anche il buon Glenn,il tempo passa per tutti facciamocene una ragione!!!!
Sciamano ha detto…
@Valz138: non ho molti più anni di te;) Danzig doveva venire a suonare al Tenax di Firenze nel 1991, ma a me sembra di ricordare che il concerto saltò!..sarei sorpreso del contrario.
Per quanto riguarda il concerto del 1992 al Palasesto,essendo passati quasi 20 anni, i ricordi sono un pò vaghi, comunque c'era la fantastica line up originale(Christ-Von-Biscuits). Il teschio dietro al palco non era un semplice panno, come a concerto dell'altro ieri, ma una scultura tridimensionale. Glenn aveva le basette alla Wolverine, era rilassato, sorridente, mi pare anche a petto nudo come usava ai tempi (o comunque aveva una maglietta a rete, davvero non ricordo), la voce era in piena forma e a proposito ricordo una versione toccante di "Sistinas", sulla scaletta anche qui ho dei buchi, ovviamente spaziava sui primi 3 album , comunque niente pezzi dei Misfits o Samhain, già allora erano un discorso chiuso. Ciao;)
alfonsedonatien ha detto…
aridaje co 'sti 50enni...io ho 33 anni,cio non toglie che abbia un buona esperienza in fatto di live...
fatemi il piacere basta con questa storia del 1985,la musica vera di qualita' non ha tempo,vedi i vari Ozzy,Maiden,Metallica,Priest ecc...e non vado piu' indietro.sono questi i gruppi che ancora contano come numeri e influenze...tanto è vero che uno come Danzig dopo 20 che non viene in Italia suona come spalla(NEL MEZZO DI UN TOUR MONDIALE DA HEADLINER) ad un gruppo che oggi in Italia va per la maggiore. con questo voglio dire che SICURAMENTE i SOAD li hanno voluti come spalla per la loro qualita',e forse si saranno anche sentiti onorati di averli. Poi ho sentito qui e in vari forum che neanche i SOAD e gli altri hanno brillato durante la performance,poi problemi di audio ecc...chi la musica la suona e la vive in generale sa benissimo che ci sono concerti che vanno alla grande e altri no,per varie cause.stanchezza
jet-leg strafattezze varie...ma poi conta?se credete di andare ad un concerto del genere con 6 gruppi e dei fonici simili e ascoltare il cd...beh siete veramente ingenui.
è sempre stato cosi' e sempre sara'...questo è il Rock,non sai mai quello che succedera',è questo il bello dopotutto!
alfonsedonatien ha detto…
aridaje co 'sti 50enni...io ho 33 anni,cio non toglie che abbia un buona esperienza in fatto di live...
fatemi il piacere basta con questa storia del 1985,la musica vera di qualita' non ha tempo,vedi i vari Ozzy,Maiden,Metallica,Priest ecc...e non vado piu' indietro.sono questi i gruppi che ancora contano come numeri e influenze...tanto è vero che uno come Danzig dopo 20 che non viene in Italia suona come spalla(NEL MEZZO DI UN TOUR MONDIALE DA HEADLINER) ad un gruppo che oggi in Italia va per la maggiore. con questo voglio dire che SICURAMENTE i SOAD li hanno voluti come spalla per la loro qualita',e forse si saranno anche sentiti onorati di averli. Poi ho sentito qui e in vari forum che neanche i SOAD e gli altri hanno brillato durante la performance,poi problemi di audio ecc...chi la musica la suona e la vive in generale sa benissimo che ci sono concerti che vanno alla grande e altri no,per varie cause.stanchezza
jet-leg strafattezze varie...ma poi conta?se credete di andare ad un concerto del genere con 6 gruppi e dei fonici simili e ascoltare il cd...beh siete veramente ingenui.
è sempre stato cosi' e sempre sara'...questo è il Rock,non sai mai quello che succedera',è questo il bello dopotutto!
disintegration ha detto…
Glenn non meritava tutto ciò. Scelta inopportuna, comunque, di accostare gruppi come sick of it all e, appunto, i Danzig ai System of A Down. Due gruppi di utenza TOTALMENTE diversi. Vergogna a chi ha lanciato oggetti e roba varia. Vi meritate altri 100 anni di Vasco e Liga.
Valz138 ha detto…
@ Sciamano: Grazie del racconto! In effeti mi pareva strano che fossero venuti due volte (avevo sempre avuto nozione di una sola visita) ma poi ho visto che la mia fonte di notizie preferita, Devilman138 di The 7th House, nella lista di Tour dates ce l'ha messa (e non ha scritto "cancelled" o cose varie)sicché ero curiosa di sapere. Grazie ancora (FANGS!!!). A rileggerci, ciao.
Anonimo ha detto…
Premettendo che sono venuta esclusivamente per i System, che adoro da anni, e che non avevo mai sentito nessuno dei gruppi che li hanno preceduti..i Danzing sono stati l'unico gruppo che non mi ha minimamente emozionata.
Sarà che ero li da ore, sarà che ormai ero stufa di aspettare, però la carica che avevo addosso dalla mattina e che mi ha fatto ballare e saltare durante l'esibizione di tutti gli altri gruppi, è completamente scomparsa con i Danzing (per poi tornare a manetta con i System!). Non lo so, mi sono sembrati parecchio, come dire, mogi?

Per i posti del 'privé', non credo che si trattasse di posti ottenuti con biglietti più costosi.
Anni fa, a vedere i Depeche all'Heineken, sono arrivata presto alla mattina e sono riuscita a prendere un braccialetto che mi ha poi permesso di tornare, quando ne avevo voglia, oltre le transenne, direttamente davanti al palco.
Valz138 ha detto…
Ciao Sciamano. Ancora Valz138 qui.
Non sono una frequentatrice di blog, forum etc e non so nemmeno se sia OK mandarti i messaggi qui ma attendo lumi (se vorrai accendermene).
Ad ogni modo, con un po' più di calma ho dato un'occhiata alla pagina principale della sezione dedicata a Danzig (the Man/the Band) e ti dirò una sola cosa: tanta dedizione è un vero toccasana, soprattutto considerando dove stiamo (niente snobismo, è un dato di fatto che siamo quattro gatti e, come dici tu, non è che mi dispiaccia poi tanto, anche se a volte il numero può far comodo...).
Per varie ragioni, sia tecniche che caratteriali, non ho mai aperto blog e/o siti dedicati all'opera di GD, limitandomi a frequentare i siti statunitensi (DANZIG-Verotik, The 7th House, MisfitsCentral e OneThirtyEight). Ammetto che non avevo mai trovato nulla di DANZIG-related in Italia (forse un problema di indicizzazioni nei motori di ricerca? Sto fingendo, ne so zero) prima delle polemiche post-Rho. Adesso che ho "scovato" te temo quasi di diventare importuna e instupidirti. Ma, ripeto, ho problemi tecnici (di connessione e accesso a Internet) per cui non sarò una vera insidia - giusto quel tanto che basta per farti pentire di aver incoraggiato i DANZIG fans a farsi vivi ;P
Scherzi a parte, tempistica permettendo, mi piacerebbe ogni tanto scambiare quattro chiacchiere con te.
La sola cosa di cui mi rammarico è non averti "conosciuto" prima del 2 giugno (per fare, che so, una possente azione di sfondamento insieme - tu, il ragazzo con il Crimson Ghost sulla maglia e io!!! Ah, no, ho visto anche una "Blackest Tour" shirt - proprio quattro, eh?).
Scusa 'st'epistola - ripeto, non sono abituata: probabilmente sto facendo la figura dell'ospite indesiderato che piomba in casa (un caffé, grazie). Ti lascio riposare, ciao ;) Valz138.
Sciamano ha detto…
@Valz138: passa qui a scambiare le tue opinioni quando vuoi, mi fa davvero piacere, grazie per il tuo ultimo e bel intervento!
Come avrai forse notato il blog si occupa al 97% di cinema, riesco a trovare spazio per Danzig perché é sempre stato speciale, direi unico. Purtroppo non ci sono molte occasioni per parlare dei Danzig, poi aggiungiamo che in Italia é sempre stato marginale, insomma i suoi fans si disperdono nel marasma e sono sempre di meno(mi sembra).
Ciao a presto;)