Il Rito (2010)


Un film di esorcismi ambientato a Roma per Anthony Hopkins.

Un giovane seminarista giunge a Roma nonostante la scarsa vocazione per seguire un corso di esorcisti. Il ragazzo entra in contatto con padre Lucas, un prete esorcista, che lo coinvolge in una serie di casi di possessione sconvolgenti, esperienze traumatiche in grado di sondare nel profondo dell'anima sino alla riscoperta della fede. Il male però ha mille risorse e predispone una sfida finale per il giovane prete.

Un altro film di esorcismi arriva a gonfiare un filone per lo più esausto, con pochi sussulti recenti a parte il sottovalutato "L'ultimo esorcismo", in questo caso compare il nome di punta Anthony Hopkins ad attirare qualche spettatore in più. "Il Rito" è un film stanco, piatto come l'encefalogramma di un morto che pretende di essere preso sul serio con la solita frase trita e ritrita "tratto da una storia vera", qualcuno fermi questa pratica, ma ancora pare funzioni visto l'insistenza. Il presupposto è un giovane che vuole evadere da una vita triste consumata nell'attività di famiglia di pompe funebri, per farlo il ragazzo decide che deve fare il prete, insomma davvero geniale e, nonostante le tentazioni carnali di una bella e pimpante ragazza disponibile visibile in una delle scene iniziali, si può cominciare ad entrare nel vivo (?) del film che si dibatte, o per lo meno tenta di farlo, su questa ricerca di fede.

L'attore Colin O'Donoghue si aggira per il film con il volto di uno che si chiede chi glielo ha fatto fare di infilarsi in una sciocchezza simile, ma visto che c'è dentro sino al collo deve vedersela con un Anthony Hopkisn sempre più alla frutta vestito da prete e un Rutger Hauer che gli fa da padre in numerosi flash back, una presenza da vero beccamorto, del resto la professione é quella. Da quello che si può intuire c'è poco da ridere, invece gli spunti per risate (in)volontarie ci sono, questo avviene con più facilità nei film con possessioni ed esorcismi vari, a trattare questi argomenti nella maniera sbagliata capita e non di rado, "Il Rito" vuole darsi un tono realistico ma sbanda con situazioni ridicole, concentrate soprattutto nel finale clou, tra urli e confronti di presenze ultraterrene che questa volta evocati senza effetti speciali falliscono per finire nell'ilarità pura. Qualcuno poi spieghi agli sceneggiatori, o chi per esso, che fare vedere un prete a piedi nudi non fa paura, almeno non ancora.

Emerge fastidiosa, ancora una volta, la visione americana terzo-mondista dell'Italia, quindi Roma che è la città vecchia per eccellenza deve avere solo edifici cadenti, da vedere l'ospedale fatiscente dove è ricoverata una delle vittime, inoltre lo sanno tutti che ci sono i gatti tra le rovine del Colosseo e allora via con una flotta di felini ovunque. Veramente deprimente anche perché arriva la solita allusione al traffico caotico con scena inclusa di motociclista indisciplinato, incredibile. Appare chiaro che il concetto di mancata fede del protagonista è solo un pretesto per inscenare un dualismo elementare con il navigato esorcista, c'è di buono che i due non si perdono troppo in chiacchere e passano subito in azione con dei casi di esorcismo che, forse, gli amanti del genere potrebbero trovare interessanti mentre gli altri si chiedono ancora come Maria Grazia Cucinotta sia riuscita ad ottenere una parte, inutile, al fianco di un'indemoniata.

E' difficile appurare come un film alla fine dei conti per nulla spettacolare e prevedibile come "Il Rito" sia riuscito a rastrellare quasi 100 milioni di dollari d'incasso, il regista Mikale Hafstrom ("1408") non ha tutte le colpe visto che deve creare la tensione con un mulo indemoniato, a dirlo non sembra vero ma è così, e qualche chiodo di crocefissione rigurgitato dal vomito. Hopkins si ripete con facce da Hannibal (Lecter) e, come un tempo si diceva, "gigioneggia" con un personaggio privo di qualsiasi fascino per quanto è falso e patetico. Nel cast anche Alice Braga ("Predators") che non si capisce bene che cavolo di parte interpreti ma alla fine non è importante, "Il Rito" dura circa 114 minuti, insomma un'eternità da evitare.

Tit.originale:"The Rite"
paese:USA
Rating:4/10

Commenti

Simone Corà ha detto…
Non sapevo avesse sbancato il botteghino, resta però il fatto che al solo vederne il trailer si sapeva GIA' TUTTO, rendendo addirittura superflua la visione. Clamoroso. :)
Sciamano ha detto…
Il trailer non l'avevo visto, forse é per quello che ci sono cascato;)
il film é costato 37 milioni $ e ne ha incassati 96, insomma sempre troppi....