Guerre Stellari (1977)

Il primo storico film della saga Guerre Stellari.

L'impero Galattico semina il terrore nella galassia per mano delle truppe guidate dal malvagio Lord Fener, solo un piccolo ma agguerrito gruppo di ribelli rappresenta l'ultimo ostacolo prima della conquista definitiva. Un cargo spaziale con a bordo la principessa Leila viene attaccato dagli uomini di Lord Fener, l'obiettivo è recuperare il piano della prodigiosa nuova arma imperiale, la Morte Nera, prima che cada nelle mani dei ribelli. Due droidi riescono a evadere con le preziose informazioni dall'astronave e raggiungere un pianeta vicino, l'incontro con il giovane Luke Skywalker e l'aiuto del cavaliere Jedi Obiwan Kenobi, portano una nuova speranza per la causa dei ribelli e l'inizio di un'avventura contro le forze imperiali.

Dopo "Guerre Stellari" nulla fu più come prima, e non si intende solo per il cinema. L'industria del cinema (americano) cambia di li a poco gli standard produttivi, sempre più ricchi dal punto di vista tecnico-spettacolare, nel frattempo milioni di bambini (e adulti) vengono sconvolti nell'immaginario in maniera tanto profonda da assecondare/accompagnare la nascita della saga di fantascienza più celebre e importante di tutti i tempi. Fantasia e realtà si incrociano su diversi piani come mai forse prima da allora, tra action figures, frasi entrate nel linguaggio comune, tributi di ogni tipo, ecc. ; l'affetto che molti nutrono per i personaggi della Saga e per le sensazioni che riesce a trasmettere non sono ancora stati del tutto affrontati/studiati in modo soddisfacente e lasciati cadere nella semplice suggestione fandom. Forse è cosi, forse no. Intanto i film restano e suscitano venerazione e rispetto paragonabili a una vera (nuova) religione. Per molti può sembrare esagerato, ne riparleremo con l'isterismo che si diffonderà con l'uscita di "Episodio 7" nel 2015, il clamoroso ritorno della saga questa volta sotto il marchio Disney.

Dietro al fenomeno però c'è il nome di George Lucas, il regista, il produttore, l'inventore di mondi ed eroi, il selezionatore di un retaggio antico quanto la storia dell'uomo. In fondo il "miracolo" e l'universalità della saga verte su questo presupposto, quello di riuscire a unire un'infinita gamma di influenze (e di generi) in un unico, credibile universo di fantasia, regolato da leggi e intrecci narrativi che hanno lo stampo del classico ma anche lo slancio verso l'infinito spazio profondo. Senza dimenticare la storia del cinema (avventuroso) migliore con cui George Lucas e il prezioso collaboratore-amico Steven Spielberg sono cresciuti. "Guerre Stellari" è una serie incredibile di fortunati eventi, difficile trovare qualcosa fuori posto, si pensi agli effetti speciali, a distanza di quasi 40 anni ancora efficacissimi e brillanti. Dal punto di vista tecnico Lucas pone le basi della rivoluzione, una cura maniacale per il dettaglio e la verosimiglianza, il cargo a forma di ferro di cavallo Millennium Falcon o la terrificante stazione-pianeta Morte nera sono testimonianze indimenticabili, la ricerca e la creazione di nuovi orizzonti si spinge sotto ogni aspetto, come il sonoro per ricreare il movimento delle astronavi, il fuoco delle armi e il sibilo delle spade laser. E poi c'è tutta la galleria di personaggi, umani e non, che stupisce a ogni nuova apparizione come lo scimmione wookiee Chewbecca, l'inseparabile aiutante di Han Solo..

La fantastica colonna sonora di John Williams, marchio di fabbrica che rimbomba per tutta la saga, introduce in un mondo mai visto prima, dopo pochi minuti irrompe quello che con grossa probabilità è il più grande villain della storia del cinema: Lord Fener nella versione italiana, meglio conosciuto come Darth Vader, il Sith nascosto dietro a un'inquietante costume-armatura nero che comunica con una voce profonda, segnata dal respiro di un erogatore artificiale. Fener penetra nel corridoio della nave ribelle nella sua imponente presenza nera, risaltata dal bianco delle armature dei suoi sottoposti. Una figura traumatizzante che in un solo colpo racchiude il diavolo, la paura, la minaccia della morte, il nazismo, in poche parole il Male. E della eterna lotta tra il Bene e il Male si tratta. Se il Male l'uomo lo conosce a perfezione piace pensare che il Bene sia rappresentato dai protagonisti incarnati dal biondo Luke Skywalker del fantastico Mark Hamill, dalla principessa Leila della sensuale Carrie Fisher e lo strepitoso mercenario spaziale Han Solo di Harrison Ford, sino all'elegante saggio cavaliere Jedi Obiwan Kenobi del rimpianto Alec Guinness. Un cast che solo a nominarlo fa commuovere e al quale bisogna aggiungere Peter Cushing nel ruolo di un freddo ammiraglio imperiale.

Lucas riesce a infondere ironia e dramma, leggerezza e commozione ma, come da titolo, "Guerre Stellari" è soprattutto una contesa nello spazio a bordo di caccia stellari da combattimento, nel finale lo scontro decisivo, ambientato sulla superficie fortificata della Morte Nera, è un incredibile  corsa contro il tempo eroica e mozzafiato, uno dei momenti più spettacolari della storia del cinema per senso del montaggio, effetti speciali e tensione. Non si contano i tentativi di imitazione seguenti. I costumi e le scenografie sono una sorta di film dentro al film, da perderci la testa, da questo incontro artistico-creativo emergono altri personaggi storici e fondamentali della saga: i robot D-3BO e C1-P8, dal (mecha) design formidabile. "Guerre Stellari" crea una mitologia propria, l'energia della "Forza" che tutto pervade, svelata dall'anziano Obiwan Kenobi al giovane Jedi Luke Skywalker, è solo uno dei tasselli di uno spettacolo più grande e sorprendente che è ormai entrato nella leggenda. Il film dal successo enorme genera un seguito sugli stessi sopraffini standard: "L'impero colpisce ancora" (1980). "Il ritorno dello Jedi" del 1983 è meno bello solo perché preceduto da due capolavori. Nel 1999 esce la seconda saga, una sorta di prequel gigantesco, doveroso e di alto livello. In attesa di "Episodio 7" (2015) ancora avvolto nel mistero. Epico.

Tit.originale:"Star Wars"
paese:U.S.A.
Rating:10/10

Commenti

Babol ha detto…
Per curiosità, l'ho visto tantissimo tempo fa e solo una volta. Mi ci ero divertita come una pazza, mentre i due seguiti (quelli moderni nemmeno li calcolo!!) li ricordo a malapena...
Sciamano ha detto…
Dovresti dare una rispolverata a "L'impero colpisce ancora" (1980), molti lo ritengono anche migliore di "Guerre Stellari". Nel film compare, forse, il più grande/famoso colpo di scena della storia del cinema.
"Il Ritorno dello Jedi" (1983) è un altro film imperdibile a mio avviso;)
Joe ha detto…
Molti attribuiscono la nascita del cinema contemporaneo a Blade Runner, non sono daccordo e i dati parlano chiaro, esiste un pre e un post Star Wars. Dall'uso degli effetti speciali come parte integrante del racconto (e non come semplici accessori scenografici) alla miscela di generi, fino al linguaggio piu dinamico e "blockbuster", per non parlare (ma ne parlo lo stesso) del fenomeno multimediale. Star Wars è il primo multimedia franchise e a tutt'oggi il numero di storie e interconnessioni tra un media e l'altro non ha eguali. Fumetti, libri, giochi, film, tutti approvati da Lucas in persona, tutti facenti parte della mitologia starwarsiana, insomma un'opera enorme e storica.

Tutti almeno una volta nella vita dovrebbero vedere Guerre Stellari.
Sciamano ha detto…
Ben detto e l'ultima frase andrebbe scolpita da qualche parte ;)
myers82 ha detto…
il mio preferito rimane Il ritorno dello Jedi seguito a ruota dalla vendetta dei Sith, ma ovviamente è innegabile l'importanza che questo vero primo capitolo ha avuto x il cinema di fantascienza ;-)
Sciamano ha detto…
"Il Ritorno dello Jedi" è bellissimo ma, come ho già detto, ha avuto la "sfortuna" di arrivare dopo due capitoli supremi. "Episodio III" è un altro filmone, un (quasi)capolavoro;)
myers82 ha detto…
eh eh invece per me il ritorno è più bello di guerre stellari e anche de L'impero ;-)
HakHap ha detto…
Magnifico!
Grazie alla passione di mio padre ho avuto la fortuna di vederli tutti e 3 al cinema, ovviamente ero un bambino e proprio per questo mi ha letteramente sconvolto (in positivo).
Della nuova trilogia non riesco a salvare nulla e personalmente ritengo che Lucas con alcune interviste (una presente nel disco extra della trilogia classica) sia riuscito parzialmentente a rovinare tutto il mio entusiasmo per questo favoloso universo.
Ma Star Wars è meraviglioso.
Sciamano ha detto…
eh, eh,,anche io sono abbastanza vecchio da poter dire di averli visti al cinema, naturalmente ero un poppante ma già segnato in modo indelebile da Star Wars;)
myers82 ha detto…
io invece coi primi due non ero nato e con lo jedi avevo un anno quindi la trilogia vecchia l'ho recuperata in tele, ma quella nuova l'ho vista al cinema e secondo di quella ci son diverse cose da salvare, su tutti il personaggio del MITICO Darth Maul, che cattivo ragazzi, peccato che Lucas lo abbia utilizzato così poco
Sciamano ha detto…
La seconda trilogia io l'ho sempre apprezzata (in giro nel blog ci sono le rece dei 3 film). Darth Maul è uno dei migliori personaggi della Saga intera! ...anche io avrei preferito vederlo più utilizzato ma allo stesso tempo il suo fascino e mistero è dovuto alla breve apparizione;)
Hak Hap ha detto…
Avete ragionissima su Darth Maul, veramente fico (grande Ray Park) e con la spada laser più coatta di sempre. Effettivemente con episode one mi ero anche fomentato al cinema.
Poi però inizio a pensare a Jar Jar 'Ronaldinho' Binks, Il Re dei Rospi che sembra uscito da Ranatan, il Robot Generale con la tosse!, R2D2 che VOLA!, ObiWan che prima brandisce la spada laser in stile wuxia-paraculo (mi ha fatto incazzare come una biscia quella scena!) e poi cavalca un coso verde (altro incazzo), Yoda che combatte come uno Yo-Yo impazzito, la catena di montaggio in cui C3PO scambia la sua testa con un altro droide e poi il duello finale sulla lava è tropppo assurdo! Ma chi sono i Jedi Ignifughi!? E poi il NOOOOOOOOOOOOOOO! più involontariamente comico della storia del cinema, non ce la faccio.
Ho perso il conto delle volte in cui mi sono sentito in imbarazzo e preso per i fondelli al cinema con Epiosde II e III.
Io, IMHO, vedo un Mito che ha voluto strafare con i potentissimi mezzi a disposizione e che, purtroppo, non si è fermato alla nuova trilogia ma ha ritoccato conitunamente anche quel capolavoro della trilogia classica perchè all' epoca non poteva fare di più. E meno male dico io! Sennò venivano come questi!
Le opere sono sue, verissimo, e puo' farci quello che vuole ma da me non avrà altri soldi.
Ribadisco che il mio è un parere assolutamente personale.
Sciamano ha detto…
Eh..non si può andare sempre d'accordo (su Episodio III soprattutto) Hakhap ;)
HakHap ha detto…
Bè ogni tanto qualche giudizio contrastante ci deve essere altrimenti sai che noia! ;-)
Sciamano ha detto…
già :-)
evenneilgiorno ha detto…
Il miglior film di fantascienza di tutti i tempi. Difficile immaginare qualcosa di meglio.
Sciamano ha detto…
Per me se la gioca con "Aliens Scontro Finale" ;)