Visioni sparse: Beyond Skyline (2017) + Rise of the Legend (2014) + Forgotten (2017) + Cell (2016)

Beyond Skyline (2017)
L'improbabile sequel (reboot?) di Skyline (decente) è come uno se lo aspetta: un b-movie delirante. Coraggioso per la follia, può contare sul protagonista Frank Grillo, ormai una garanzia per i ruoli da duro e massiccio. Special guest Iko Uwais e Yayan Ruhian, i due scatenati della serie The Raid arrivano per menare gli alieni a colpi di arti marziali. Diviso in due parti: la prima introduttiva a L.A., con un blocco centrale all'interno dell'astronave a fare da collante debole e noioso, la seconda più movimentata e originale per via della gradevole location di un non meglio precisato tempio nel triangolo d'oro in Asia. Gli Strause Bros, i registi del primo, fissati con le invasioni aliene e gli effetti speciali da serie b anni 90, sono riusciti a convincere una cordata asiatica per il budget di produzione. Chi ne parla male è uno sprovveduto.
Rating:6/10

Rise of the legend (2014)
L'ennesimo film sull'eroe nazionale cinese Wong Fei Hung, raffigurato come un mezzo fighetto muscoloso: l'attore Eddie Peng. Sembra promettente all'inizio, con un combattimento sotto la pioggia mutuato da The Grandmaster, poi si va infilare in una lotta tra due cosche portuali poco interessante. Sammo Hung fa il cattivone scontato, il kung fu è presente per circa 10 minuti su due ore di film, troppo poco ma non è male, ritoccato con effetti speciali per fare roteare spade e corpi. L'action director è lo storico Corey Yuen.
Rating:6/10

Forgotten (2017)
Distribuito da Netflix, un altro grande film (sud)coreano, da quelle parti ormai hanno imparato a fare le cose per bene. Un horror psicologico con una trama pazzesca, devastante, l'unico mio dubbio è che si tratta di quel tipo di film che poggiano troppo sulla rivelazione finale, sul particolare capace di fare rileggere tutto quanto visto in precedenza. Insomma quei film che ti fanno godere alla prima visione ma difficili da rivedere dopo scoperto il "trucco". Almeno questo vale per me.  Ideale per il solito remake paraculo americano.
Rating: 8/10

Cell (2016)
Da un racconto di Stephen King con il regista di Paranormal Activity 2, un post apocalittico fiacco e maltrattato da tutti abbastanza a ragione. Sembra un film a cui mancano dei pezzi, un po' scialbo e poco pauroso nonostante il tema aggiornato dell'invasione degli ultracorpi. Stavolta sono i cellulari a scatenare la piaga, ne stiamo abusando tutti, magari fra 30-50 anni ci renderemo conto di quanto il presunto progresso tecnologico abbia influito in modo negativo, oppure no. Finale poco chiaro ma non happy.
Rating:5/10

Commenti

Post popolari in questo blog

Doctor Sleep (2019)

The Strangers: Prey at Night (2018)

Blood and Bone (2009)