3 From Hell (2019)

Il nuovo Rob Zombie è uscito in Italia direct to video, come il precedente 31, stavolta non è doppiato ma in lingua originale con i sottotitoli. Almeno così io l'ho visto, una circostanza insolita ma non troppo, ho gradito sentire le voci originali. Si tratta del terzo capitolo della saga dei Reietti, dopo La Casa dei 1000 corpi e La Casa del Diavolo. Ho sbirciato commenti non proprio carini nei confronti di 3 From Hell, definito inutile e povero, boh, io lo trovo un bel film in linea con i precedenti, di sicuro non un capolavoro ma nemmeno mediocre come molti dicono.
Ho trovato quello che mi aspettavo, è un Rob Zombie al 100%, dopo la parentesi dei due Halloween, libero da qualche tempo di fare quel cavolo che gli pare dal punto di vista artistico. Il ritorno della famiglia Firefly giunge dopo 14 anni circa La Casa del Diavolo e gli eventi in esso narrati del 1978. Li credevamo morti i nostri "eroi" e invece, con un ribaltone da vera serie b, sono rimasti feriti gravemente ma vivi, in seguito incarcerati sino al 1988, anno fatidico in cui è ambientata la pellicola e dove la famiglia trova modo di riunirsi, a modo suo ovvio.
Ai tempi delle riprese, circa un annetto fa presumo, Sid Haig riprende il ruolo del Captain Spaulding con i segni della malattia già evidenti, l'anziano attore è scomparso di recente (21 settembre 2019), anche per questo la sua è poco più di un'apparizione. Riposa in pace Capitano. I tre dell'inferno del titolo sono i noti Baby (Sheri Moon Zombie), Otis (Bill Moseley) e la nuova entrata Winslow Foxworth Coltrane, il fratellastro di Otis!, interpretato dall'impagabile Richard Brake, reduce dal precedente 31. Ci sono sicuro altri film in grado di farlo, ma è raro parteggiare per degli stupratori, torturatori e assassini come riesce a indurti la saga di Rob Zombie. E' divertente ma abbastanza malsano, oh ma calma, sono solo dei film (credetemi, in molti non ci arrivano).
Rob Zombie a suo agio con i personaggi che conosce meglio e gli hanno dato la fama di regista horror, la compagna Sheri Moon e il fidato Moseley sono come solito fantastici nei rispettivi Baby e Otis, dei veri sadici assassini. Richard Brake supera la prova e rientra a pieno titolo nella famiglia, un altro pazzo redneck con una passione cinefila, cita Bogart, Cagney, Lon Chaney e film come Ore Disperate (ricordo anche il remake di Cimino), di cui 3 From Hell sembra una sorta di rivisitazione in chiave serial killer.
I primi 20 minuti li ho trovati fantastici, ero già pronto a gridare al capolavoro, molto accurati anche come ricostruzione storica, insomma vedere i protagonisti ingabbiati mi ha dato un senso di realismo che non credevo. In seguito la vicenda prende una piega inverosimile e per certi versi prevedibile, si può dire quasi ordinaria alla luce dei precedenti capitoli, non per questo meno divertente. Durata del film consistente  con le sue quasi due ore (!), almeno un paio di momenti memorabili con una colonna sonora da paura d'epoca in sottofondo, sotto questo aspetto mi sono gasato molto di più che in C'era una volta a Hollywood per dire. Per dare un taglio scenografico differente, Zombie dona all'ultima parte una cornice messicana, molto colorata e selvaggia, con droga, puttane e sicari mascherati. Per me molto bello, mi trattengo sul voto, voglio essere obiettivo il più possibile.

Rating:7/10

Commenti

Alessandra ha detto…
Oh, finalmente qualcuno che ne parla bene! Non vedo l'ora di vederlo anche io.
Sciamano ha detto…
SI! ...buona visione;)
Unknown ha detto…
Io ho visto sia questo sia 31 così come molti altri film di Rob Zombie. Secondo me la questione è piuttosto semplice. Quando si guarda un film di Rob Zombie si deve sapere a cosa si va incontro. Sono film basati sostanzialmente su, squartamenti, sangue a.caacate, parolacce e chiaramente Sheri Moon..Poi basta però. Un po' come lo storico filone Torture francese di qualche anno fa, zero contenuti e solo qualche shock visivo. Detto questo, se è questo ciò che si cerca in un film horror, allora il vecchio Rob non delude. Io di tanto in tanto me ne sparo uno quando ho voglia di buttar via un paio di ore con la testa in libertà
Sciamano ha detto…
Concordo abbastanza ma penso che Zombie possa ancora dire e fare molto per il cinema horror, sono contento di 3 From Hell ma in fondo si è ripetuto..vedremo con il prossimo film.
;)
Giovanni ha detto…
ciao. ma sei sicuro che in italia è uscito? non lo trovo da nessuna parte il dvd
Sciamano ha detto…
Ciao, ho noleggiato il film sul Playstation Store (sezione film), oggi ho visto che è ancora disponibile. Per il dvd/blu ray penso che ci sarà da aspettare, non saprei..

Post popolari in questo blog

Doctor Sleep (2019)

The Strangers: Prey at Night (2018)

Blood and Bone (2009)